Archivi tag: Yara Kono

Per scaldarsi ci vuole la lana. E le storie. Allo Spazio Libro con “Pecorella dammi lana”

20150221_121419

20150221_102509

Allo Spazio Libro nella palazzina dell’ex fabbrica Fila a Firenze,  si è tenuto un’altra attività da libro del nostro catalogo.

Questa volta l’evento  era dedicato a “Pecorella dammi lana”di Isabela Minhós Martins e Yara Kono.

Una mattinata che ha davvero scaldato grandi e piccoli con la narrazione da parte di Lola Barceló e la piccola scenografia realizzata insieme a Laura Bonomo che gestisce lo spazio.  Poi, fuori dallo stanza del teatro, laboratorio con la lana e le pecorelle realizzate con carta e cartoncini reciclati di varia origine.  Ogni tipo di carta una qualità  diversa. Tanti gomitolini di lana colorati, con tocco di classe, l’etichetta realizzata ad hoc con l’immagine di copertina del libro.

20150221_102457

Pecorella, dammi lana.

-A che ti serve la mia lana?

– Voglio fare un maglioncino per star bene riparato.

E se copro il mio pancino non sarò più raffredato.

20150221_111059

– Pecorella, dammi lana

-A che ti serve la mia lana?

-Voglio fare una cuffietta per tener calda la testa.

Con le orecchie ben coperte

nessun male mi molesta.

20150221_111129

Pecorella, dammi lana.

A che ti serve la mia lana?

– Voglio fare delle calze

Perché più non muovo i piedi!

Guarda come sono freddi,

pecorella, non lo vedi?

20150221_112936

 

Dalla testa ai piedi, fino a che la pecorella dona tutta la sua lana e allora..

 

– Pecorella, pecorella

con la lana mi son fatto

un maglione e una cuffietta

e son proprio soddisfatto.

Una sciarpa, dei guantini

 e delle calze che ho già qua

ma ho pensato, pecorella…

se facessimo a metà?

.

20150221_120548

Quindi…tanti mini gomitili per far coprire a piccole mani laboriose tante mini pecorelle…

20150221_120516

con brevetto “Pecorella dammi lana”..

20150221_112437

…E poi tutti al lavoro

20150221_112944

Il questionario di Kalandraka , dodici domande all’artista Yara Kono

pecorella-dammi-lana-It

Le illustrazioni di Yara Kono sono l’anima visiva  di “Pecorella, dammi lana”, testo di Isabel Minhós Martins. Una bella filastrocca invernale, ma anche la storia di un prendersi cura reciproco, di un dialogo tra bambino e animale,  un invito a ricordare l’essenza e l’essenzialità delle cose. Se per la voce bambina che canta la filastrocca, rivolgendosi alla pecorella, è essenziale la lana dell’animale per ripararsi dal freddo, altrettanto  vitale  è che la pecorela si protegga. Quello che l’essere umano prende dalla natura può ridarlo sotto forma di ingegno, di lavoro, e se questo avviene in una considerazione di rispetto, ci guadagnano entrambi, in un equilibrio del vivere.

YK2_pb_40x45

Ma l’ essenzialità è anche uno degli elementi che   trasmettono le  illustrazioni di Yara Kono, un insieme di contaminazioni, tra cui salta all’occhio di impatto l’influenza delle sue origini giapponesi.  L’autrice, nata a San Paolo, in Brasile, abita in Portogallo dove collabora al progetto Planeta Tangerina, una delle realtà editoriali europee più innovative del momento.

Le abbiamo rivolto il questionario di Kalandraka, le nostre dodici domande dedicate agli illustratori.

pecorella_dammi_lanaOK-2

Ricordi chi ti regalò il tuo primo astuccio di colori?

Non è stato il primo, ma ricordo bene un astuccio di metallo con dentro 12 matite che ricevetti dai miei nonni paterni quando vennero a trovarci dal Giappone per la prima (e unica) volta. Mi sembrava il migliore astuccio di tutti i tempi. Lo usavo con moderazione e mi è durato molti anni.

È arrivato prima il disegno o il colore?

Direi scarabocchi di colori

pecorella_dammi_lanaOK-6

Un sogno ricorrente della tua infanzia.

Volare e trovarmi scalza o in pantofole in differenti circostanze, ma soprattutto a scuola, erano i miei sogni ricorrenti. Ancora oggi, ogni tanto, volo nei miei sogni.

mama_0

Che storie preferivi da bambina?

Mi piacevano i racconti tradizionali giapponesi come “Momotaro”, “Urashimataro” e “Kaguyahime”. Mi ricordo anche di una raccolta di storie dei fratelli Grimm e un’altra di favole di La Fontaine che ho letto e riletto un sacco di volte.

 Ricordi la prima volta che hai provato il desiderio di accompagnare una storia con le immagini?

Sicuramente, da piccola mi è capitato tantissime volte, inconsapevolmente. Mi ricordo che illustravo tutta una serie di storie durante le lezioni teoriche del corso di Farmacia…

mama_1

In che momento hai deciso che volevi fare l’illustratrice di mestiere? [l’idea di Munari dell’arte come mestiere]

È qualcosa che è sorto spontaneo. .. Andare a vivere in Portogallo e lavorare in Planeta Tangerina sono stati due momenti che hanno condizionato la direzione del mio percorso in questo senso.

mama_6

Il tuo percorso di apprendimento è stato più intuitivo o progettato con metodo?

Forse più intuitivo. Non ho niente di pianificato a lungo termine.  Anche le tecniche/linguaggi che penso mi piacerebbe sperimentare o le persone/editori con cui mi piacerebbe lavorare, alla fine tutto dipende dal progetto che ho per le mani.
 Chi riconosci come maestri? [Non è una domanda limitata al campo dell’ illustrazione, ma anche ad altri settori, il campo dell’arte in generale, la musica in particolare, la fiolosofia, l’iconografia religiosa etc…]

Sono tante le persone che ammiro e mi ispirano…
Credo di poter considerare Planeta Tangerina la mia scuola, dove ho scoperto la mia parte illustratrice.

pecorella_dammi_lanaOK-19

Cosa ti ispira nel tuo lavoro?

Quasi tutto.
Può essere un ordinario giorno di lavoro, un giorno di sole o una giornata grigia, una passeggiata nei dintorni di casa o un viaggio lontano, la famiglia e gli amici, la visita a un museo, il fruttivendolo del quartiere, un libro… l’attenzione ai dettagli, ai piccoli avvenimenti.

 Quali tecniche usi normalmente? Con quali ti trovi più  a tuo agio? Quali ti permettono maggiore espressività?

Collages, timbri, matite colorate, evidenziatori, carboncino… Concludo sempre i miei lavori al computer, che finisce per essere il mio porto sicuro.

pecorella_dammi_lanaOK-23

Secondo te, quali sono le tre capacità indispensabili per un illustratore?

Essere originale (avere una visione unica del mondo). Osare. Sapersi fermare.

Quello che un editore non ti ha mai chiesto e che ti piacerebbe sentirti dire.

Una copertina in cui prevalga il nero.

pecorella_dammi_lanaOK-28

Per finire una cuffietta

Per coprirti poverella!

Passerai bene l’inverno,

lo prometto pecorella!