Archivi tag: scoperta

Link

Rassegna “IO E IL RAGNO”

Rassegna “IO E IL RAGNO”

Il portale Mangialibri che informa sulle novità (e non soltanto) nel campo dei libri  ha dedicato una rassegna al tenerissimo ‘albo “Io e il ragno”. Un albo illustrato fatto di fotografie bellissime. La storia di una piccola bambina e di un ragno dalle zampe lunghe, che si conoscono attraverso immagini colorate e rassicuranti. La bambina va alla scoperta del suo corpo proprio attraverso il piccolo ragno “saltato giù dal cielo”, che si posa sfacciatamente dapprima sul suo alluce, poi risale dalle sue caviglie alle gambe, sostando un momento sul suo ginocchio.

La rassegna: La magica scoperta del nostro corpo – Io e il ragno

 

Interessante come un’esperienza, affascinante come la natura: si chiama corpo ed e la sua bellezza in assimilazione con la intrinseca perfezione dei frutti, iI tutto in una espressione realistica realizzata con foto in primo piano, a fare da base per questo inconsueto albo edito da Kalandraka. “lo e il ragno” di Fran Alonso e Manuel G. Vicente non e una storia, bensì una sequenza di illustrazioni con cui esplorare di pagina in pagina il percorso curioso e appena percettibile di un piccolo ragno che, con un divertente contrasto, tenta di “scalare” la struttura corporea di una bimba percorrendone le tante curve.
Tra le illustrazioni un testo semplice che lega e descrive, racconta e sollecita. Nascono così similitudini tra i piccoli particolari anatomici e i prodotti della natura, tra le sensazioni tattili del contatto e la molteplicita di forme e di consistenze conosciute: I’alluce tondo come un kiwi, la bocca fresca come una prugna, iI naso a punta come una fragola e così via. Quindi un’occasione di divertimento per conoscere e conoscersi, per scoprire le forme proprie e dei frutti e percepire la sensazione tattile e un’opportunita meno solita per leggere il mondo e sé stessi da offrire ai piccolissimi. Ma in più, proprio in questa descrizione così libera, il testo consente diverse modalita di accesso alle iIIustrazioni e rende possibili letture fantasiose e alternative che non sfuggiranno certamente agli adulti, attenti lettori vicariali.

Scritto da Giusi Germenia

(Febbraio 2012 / VIVERE – settimanale del quotidiano “La Sicilia” – Anno XVII – n. 624)