Archivi tag: PRIMI LETTORI

I libri del 2015 che hanno reso più bello AtlantideKids

AtlantideKids

1. Pinocchio prima di Pinocchio, di Alessandro Sanna – Orecchio acerbo Pinocchio prima di Pinocchio3

Quando lo vedo, lì dritto, impettito, stagliarsi nell’aurora, o nel tramonto, lo immagino pronto a mirabolanti avventure. E non mi sbaglio: parte a grandi balzi. Non conosce mezze misure. Sembra felice, ma non pare Pinocchio, non vedo il naso lungo che, così di profilo, certamente salterebbe agli occhi. D’altra parte, da come capitombola e si diverte, sembra proprio lui. Non so… io continuo a seguirlo, e con una certa trepidazione, perché il ragazzino di legno si sta fidando ciecamente di un gatto e di una volpe, silhouette nere nella neve bianca, e s’avvia a passo sicuro verso una folla di altri legnosi, verso un bosco, che dal tanto danzare s’infiammano. []

2. C’era una volta una bambina, di Giovanna Zoboli e Joanna Concejo – Topipittori

C'era una volta una bambina, Giovanna Zoboli, Joanna Concejo - 2015, Topipittori C’era una volta una bambina, Giovanna Zoboli, Joanna Concejo – 2015…

View original post 493 altre parole

Annunci

PROSSIMA USCITA: UN GORILLA, UN LIBRO PER CONTARE

Testo e e illustrazioni: Anthony Browne
Rilegato
32 pagine a colori 26 cm x 30 cm
Collana Libri per Sognare
ISBN 978-88-95933-41-2
Prezzo: € 16,00

Un libro per bambini dai 3 anni e per adulti che si svegliano a una nuova consapevolezza.

Un dialogo sulla famiglia, la specie umana e le etnie  illustrato e realizzato da un maestro internazionale, il britannico Anthony Browne. Le tavole, dalla forte capacità narrativa, un misto di realismo quasi fotografico e sfumature surrealistiche, ci presentano uno stile tutto personale e vicino al pop.
Le applicazioni dell’albo:  imparare a contare, presentare l’ordine dei primati e l’evoluzione umana….

La rassegna: Capretti caproni

“Capretti-Caproni” adattamento dal racconto tradizionale di Olalla Gonzàles e Federico Fernàndez, Kalandraka.

Posted by  in 2. Dai 3 ai 5 anniALBI ILLUSTRATI

Tratto da un racconto tradizionale, questo bell’albo illustrato racconta ai bambini una favola dove l’astuzia e l’unione vincono sulla forza e la prepotenza

Gattino e il pallone, un albo da sfogliare

Image

Image

Image

Equi(libri) instabili

Il giornalista Alessio Malta, del portale specializzato Mangialibri, dedica attenzione al nostro albo “Non è una scatola”.

Mangialibri, Recensioni Libri, Autori, News, Interviste, Poesia, Fumetti, Bambini, Ragazzi, Libri in Edicola, Contatti, servizi

via Equi(libri) instabili.

La rassegna: Non è una scatola

Libri ricevuti – Antoinette Portis, “Non è una scatola”, Kalandraka, Firenze, 2011.

Primo albo per bambini (da 3 anni in su) di Antoinette Portis, direttrice creativa della compagnia Disney Consumer Products, “Non è una scatola” gioca con i confini tra realtà e fantasia, tra definizione e immaginazione. 

Una scatola è una scatola, suggerisce il libretto: qualcosa di ben definito nella testa di chi pronuncia questa parola e di chi vede un oggetto che risponde al nome; ma lo sguardo e il corpo di un bambino può trasformarla in quel che vuole: un monte, un robot, una mongolfiera, una nave, una “non-scatola”, insomma. 

Così il coniglietto che s’aggira nelle pagine del libro, interrogato da una specie di voce fuori campo, dice ripetutamente “no”: “Perché ti sei seduto su una scatola di cartone?” gli si chiede; “Non è una scatola di cartone”, risponde il coniglietto, e lo vediamo sfilare al volante di una bella automobile rifatta sul profilo della scatola; “Perché schizzi l’acqua verso quella scatola?”; e subito dopo ecco il coniglietto vestito di tutto punto da pompiere, e intento a salvare dalle fiamme un palazzone di quattro piani (la sua “non-scatola”).

Un albo utile a sperimentare le somiglianze e il concetto di spazio attraverso il corpo e l’immaginazione; e pure a ricordare a piccoli e grandi che si può giocare con gli oggetti più semplici, umili. Anche l’aspetto fisico del volume dà questa indicazione: colore e materiale mimano infatti una scatola di cartone. Accanto al nome dell’autrice, in copertina, scopriamo il peso netto del libro (250 gr) e nella quarta leggiamo la scritta “Non capovolgere”: un grazioso gioco di sovrapposizione tra oggetti, e pure una provocazione, quest’ultima, rivolta a bambini, insegnanti ed educatori disposti a vedere quel che succede, se per esempio si provasse a capovolgere un oggetto che è insieme “libro” e “scatola”, “non-libro” e “non-scatola”.Image

La rassegna: Chi vorresti essere?

Un post di Valeria Baudo dedicato al libro Chi vorresti essere? sul blog Le Letture di Biblioragazzi.