Archivi tag: accudimento

Mamma elefante deve partire, da sola

TRADUZIONE DI:
EDITORE:
ARTICOLO DI:
       

Mamma elefante deve partire, da sola. Il suo cucciolo rimarrà a casa per qualche giorno con papà elefante. Assiste ai preparativi, la accompagna in aeroporto con papà e la vede partire con l’aereo. Poi torna a casa ed iniziano le giornate da soli, con le solite abitudini, ma vissute al maschile. Ecco allora la storia prima di dormire con la voce bassa di papà; il risveglio improvviso durante la notte e la nanna nel lettone; i giochi in giardino fino a sera e il disordine in casa; la colazione a letto e il pigiama portato anche durante il giorno.

il viaggio della mamma2

 

I preparativi e la partenza di una mamma diventano l’alibi per una bella storia di crescita e di famiglia raccontata dal punto di vista del cucciolo che rimane a casa col papà. I bambini sanno cogliere le differenze, sono molto bravi ad individuare quanto e cosa fa la mamma e quanto e cosa fa il papà e in questo senso il libro racconta una storia molto realistica: con papà si possono fare cose che sono proibite dalla mamma (la colazione a letto!), ma il profumo di mamma rimane comunque unico. L’autrice mescola illustrazioni allegre e colorate a parole che non svelano tutto, ma che hanno bisogno proprio delle immagini per completarsi e trasmettere il significato totale del testo. Illustrazioni ricche di dettagli che rendono chiaramente il senso di libertà e di gioia del piccolo elefante mentre gioca e si diverte col padre, e brevi frasi che le anticipano o le concludono. Non è (ancora) scontata la presenza di figure femminili non stereotipate negli albi illustrati, perciò il libro ha un valore doppio. Una mamma che deve partire, per lavoro o per un viaggio, e lascia il figlio a casa col padre è dunque (ancora) una presenza rara di cui sottolineare l’importanza, a maggior ragione quando, come in questo caso, non trasforma di conseguenza il papà in una mamma surrogata. Ritrovarsi tutti insieme ad aprire i regali che mamma ha portato in valigia sarà certamente più bello per una famiglia di questo tipo.

Per l’originale, clickate:

http://www.mangialibri.com/bambini-ragazzi/il-viaggio-della-mamma

Un libro necessario: Il viaggio della mamma

 

il viaggio della mamma

C’è un gran bisogno di libri che trasmettano modelli femminili non stereotipati. Non eroine, non donne eccezionali, ma semplicemente mamme che lavorano e di libri che parlino di famiglie in c…

Sorgente: Il viaggio della mamma

Il viaggio della mamma

il viaggio della mamma

“Non è semplice rendere con penna e colori il distacco e la mancanza. Non è semplice rendere quella mistura di nostalgia e spensieratezza di cui sono fatti i giorni in cui la mamma è lontana, ma poi torna. Forse è proprio il “ma poi torna” la parte più delicata e profonda.”, sono parole di Barbara Ferraro sul blog Atlantidekids, potete continuare a leggere il suo post sull’albo di Mariana Ruiz Johnson, proprio quà sotto.

AtlantideKids

Capita piuttosto spesso che la mamma debba assentarsi qualche giorno per lavoro. La sua mancanza è forte e si percepisce anche con il naso (se poi si è degli elefanti a maggior ragione), si percepisce con le orecchie (e anche in questo con le orecchie belle grandi che si ritrovano, gli elefanti hanno una marcia in più), si percepisce con la vista. In casa non si sente più profumo di fiori, una volta che la mamma è partita; la voce del papà, mentre legge la storia della buonanotte, è più bassa rispetto a quella della mamma; la stanza sembra più grande, più vuota, fa un po’ paura.

il viaggio della mamma2 il viaggio della mamma, Mariana Ruiz Johnson – 2016, Kalandraka

Al nostro rientro, la casa è silenziosa
e non profuma di fiori.
La sera, papà mi legge una storia prima di dormire.
La sua voce è più bassa di quella della mamma.

Però…

View original post 265 altre parole