Archivi del mese: marzo 2015

“La nonna addormentata”: conversazione con lo scrittore Roberto Parmeggiani. Prima parte

portada-a-nonna-addormentata-It-1
Oggi Roberto Parmeggiani  é ospite presso il nostro stand a Bologna Children’s Book Fair per  dedicare il libro, da lui scritto e illustrato da     João Vaz de Carvalho, “La nonna addormentata”.
Alle 18.30 incontrerà il pubblico presso la libreria Trame di Bologna.
Tra ricordi, presente e passato, la voce di un bambino che parla di e con sua nonna con cui ha condiviso storie, sapori, amore, e  che dorme da un mese. Finché un giorno scompare e il pensiero del bambino vola alto con l’ immaginazione.
Abbiamo rivolto alcune domande all’autore del testo, che oggi alle 10.30 è intervenuto al convegno “Il dromedario e il cammello. Disabilità, specialità, differenze, risorse nei libri per ragazzi”.  Evento coordinato da Ibby Italia, nella sala Suite della fiera del libro illustrato.
 
La prima parte ve la proponiamo stasera.
LA-NONNA-ADDORMENTATA-4
Nel libro le buone cose che la nonna preparava sono uno  degli elementi affettivi e identificativi della relazione.
E per te? Cosa ti preparava tua nonna che era così speciale?
 
Ho due ricordi molto chiari legati al cibo.
L’appartamento in cui vivevo si trovava sopra il forno che gestiva la mia famiglia. Ogni mattina mi svegliavo cullato dal profumo del pane che saliva fino in camera mia e, prima di andare a scuola, passavo in negozio a prendere la merenda che la mia mamma e la mia nonna avevano preparato per me, i miei fratelli e i miei cugini.
Ogni giorno tornavo da scuola e pranzavo da mia nonna con i miei cugini. I miei genitori lavoravano così lei preparava, in una grande pentola, la pasta al pomodoro che poi tutti mangiavano.
 
L’immagine- ricordo della nonna filtrata con gli occhi del bambino è piena di fantasia, vola alto fin dall’inizio. Per te il rapporto di affetto con i nonni è stato particolare? Come lo definiresti?
Ho avuto la fortuna di crescere in una famiglia in cui i confini tra i nuclei erano piuttosto aperti, per cui ho passato molto tempo con i miei nonni e i miei cugini che vivevano in un appartamento di fianco al mio. In estate, per esempio, durante le vacanze accompagnavo mio nonno, che era un fornaio, a fare le consegne del pane ai vari negozi e trascorrevo un mese intero al mare con lui e mia nonna. Il rapporto speciale era quello quotidiano, fatto di cose semplici e legate alla loro vita di tutti i giorni, al lavoro, ai pomeriggi a giocare a carte e  anche a qualche sgridata.
LA-NONNA-ADDORMENTATA-6
 Come spiegheresti a un bambino, che una realtà finisce, ancora di più, qualcosa che ama e da cui è amato finisce,  e inizia un’altra realtà invisibile e misteriosa?
 
Quando scrivo io non mi pongo l’obiettivo di dare risposte ma, più semplicemente, di dare parole che possano essere usate per raccontare, definire, dire le emozioni. La morte, che rimane il più grande dei misteri, è una forte emozione che spesso, anche noi adulti, fatichiamo a dire, ci mancano le parole per spiegare quello che sentiamo, che proviamo, come stiamo sperimentando. Se riuscissimo a essere più liberi e capaci in questo, non ci sarebbe bisogno di spiegare perchè la convivenza con i fatti della vita sarebbero il modo più semplice per aiutare i bambini a scoprire naturalmente anche un passaggio difficile come quello della morte.
Continua…
20150331_122702

Roberto Parmeggiani  al tavolo con alcuni degli altri ospiti del convegno”Il dromedario e il cammello. Disabilità, specialità, differenze, risorse nei libri per ragazzi”.  Ha coordinato Silvana Sola, presidente Ibby Italia.  Vicino: Annalisa Brunelli che lavora con Roberto per Accaparlante, Centro Documentazione Handicap,  e la scrittrice inglese Sally Gardner.

 
20150331_121417
Annunci

“La nonna addormentata” su Lettura Candita

Carla Ghisalberti ci segnala la sua riflessione su “La nonna addormentata”.

“Qui Roberto Parmeggiani (concedetevi due passi nel suo blog) va in direzione contraria: morire è per quella nonna svoltare e andare verso la liberazione. Per quel bambino che rimane, l’assenza assume così un senso diverso e addolcisce il peso della perdita senza ritorno. Forse.”

Link alla recensione completa dal blog ” Lettura candita”

http://letturacandita.blogspot.it/

portada-a-nonna-addormentata-It-1

Su Bolognacult, Cari estinti e La nonna addormentata. Anteprime di BCF 2015

Sergio Rotino, anche giornalista radiofonico per Humus su Radio Città del Capo,

cita Cari estinti e , la nostra novità, La nonna addormenta, tra i due titoli presenti a Bologna Childrens’ Book Fair.

E poiché ai cari estinti si è appassionato anche lui, ha scelt di parlare del libro  con l’autrice. Presto sarà disponibile il link alla radio per ascoltare l’intervista.

Sotto il link diretto  a Bolognacult.it dove è uscito l’articolo.

cari estinti It-1(1)

Sin t’tulo-2

“Chiudiamo con altri due illustrati editi da Kalandraka. Arianna Papini stupisce creando in Cari estinti (pp. 32, € 14) una piccola Spoon river composta da venti animali che il genere umano ha portato a estinzione o quasi. In una alternanza di filastrocche e “quadri” fissi che offrono il profilo di specie bellissime quanto oramai relegate nei libri di storia naturale, Papini regala il senso stretto di come la specie più pericolosa in natura siamo noi. Dal Quagga al Leone bianco passando per l’Alca inpenne, e il Tecopa, questa brava illustratrice toscana ci fa ammirare la loro bellezza e ci fa rendere conto di quanta natura abbiamo insensatamente scelto di perdere.
Roberto Parmeggiani e Joao Vaz de Carvalho (pp. 40, € 14) scrivono e disegnano La nonna addormentata, testimonianza agrodolce da parte di un bambino che ha visto la propria nonna – che prima cucinava pizzette, lo portava in edicola e lo abbracciava sempre – ritirarsi nel sonno. La metafora è facile da leggere. Ma dietro la tristezza della storia sta la dolcezza del ricordo e la certezza che la nonna sia andata con il suo principe azzurro in un luogo dove “Vola alto con gli aquiloni. Nuota nel profondo del mare. Beve un sacco di limonata. E prepara tonnellate di pane”

http://www.bolognacult.it/libriafumetti/778-piu-anteprime-dalla-fiera-del-libro-per-ragazzi.html

Libri e appuntamenti a Bologna Children’s Book Fair 2015

È un classico, come lo è il mostro nell’armadio o sotto il letto. Anzi, quella strana creatura che la notte  si nasconde nell’armadio a porte chiuse, impedendoci di dormire. Finché un giorno decidiamo di affrontarla. Con quali conseguenze, ve lo rivela il protagonista di queste notti inquiete, con le sue gesta coraggiose.

Una strana creatura nel mio armadio, Marcel Meyer. Collana Libri per Sognare, classici contemporanei.

Come da manuale, per restare nel classico, ai primi 10 fortunati le prime 10 copie alla fiera bolognese.  In anteprima a Bologna Children’s Book Fair 2015.  Un assaggio della nostra novità del mese di maggio.

una-strana-creatura-It

Ci stiamo preparando, non solo dalla sede italiana, ma da quella spagnola e portoghese di Kalandraka. Per condividere lo stand B2 al padiglione 26. Dal 30 marzo al 2 aprile nel quartiere fieristico del capoluogo emiliano, in Via della Costituzione.

Troverete:

le ultime novità , La nonna addormentata di Roberto Parmeggiani e João Vaz de Carvalho , Grazie di Isabel Minhós Martins e Bernardo Carvalho .  Le precedenti, Cari estinti, Stormo. E tutti i titoli del catalogo.

Alcuni titoli in lingua tra cui quelli, appena arrivati, degli autori che saranno presenti in fiera.  Dal Cile ci sarà Maya Hanisch con Color animal e da Spagna e Portogallo Javier Sobrino e Caterina Sobral, vincitrice del concorso illustratori Bologna Children’s Book Fair 2014, con No hay dos iguales.

PER AUTORI E ILLUSTRATORI:

l’agenda per gli appuntamenti è ormai chiusa, ma come ogni anno, siete i benvenuti a lasciare materiale che desiderate mostrarci nella nostra illustrator box”.

PROMEMORIA APPUNTAMENTI  DENTRO E FUORI FIERA

AL NOSTRO STAND:

LUNEDI’ 30 MARZO

firmas bolonia 2015

firmas bolonia 2015

 MARTEDI’ 31 MARZO:

firmas bolonia 2015

firmas bolonia 2015

4

MERCOLEDI’ 1 APRILE:

firmas bolonia 2015

firmas bolonia 2015

INCONTRI IN LIBRERIA:

encuentro CARI ESTINTI encuentro-CARI-ESTINTI

encuentro-NONNA

Vi aspettiamo.

http://www.bookfair.bolognafiere.it/la-fiera/895.html

Un libro che affronta la perdita di una persona cara. Incontro con “La nonna addormentata” su Milkbook

portada-a-nonna-addormentata-It-1

Oggi su Milkbook, una recensione su “La nonna addormentata” della giornalista,  critica di letteratura per l’ infanzia, blogger  Francesca Tamberlani, dal titolo La perdita di una persona cara.

Introduzione:

“A osservare il suo faccione sorridente adagiato sul cuscino, sembra che questa nonna addormentata provi un sottile piacere a starsene paciosa a letto. Chissà se in quella nuvola bianca e gonfia che si ritrova al posto dei capelli si nascondono pensieri e sogni incoffessabili.”

Link completo:

http://www.milkbook.it/la-perdita-di-una-persona-cara/

 

 

“La nonna addormentata” su Biblioragazzi

Riflessione da parte della blogger e critica di letteratura per l’infanzia Valeria Baudo. Dedicata a “La nonna addormentata” di Roberto ParmeggianiJoão Vaz de Carvalho. Ecco qua il link completo alla recensione.  Prendetevi un po’ di tempo per leggervela.

https://biblioragazziletture.wordpress.com/2015/03/21/la-nonna-addormentata/

 

Sin t’tulo-2

Su Andersen si parla di Bernardo Carvalho e… “Grazie!”

Walter Fochesato  mette sotto i riflettori l’illustratore Bernardo Carvalho in questa edizione di Andersen, marzo 2015.  Con una riflessione su “Grazie!” che, dice, è un albo ” illustrato in stato di grazia”. E visto che nella nostra intervista sul libro siamo riusciti a parlare con l’autrice del testo Isabel Minhós Martins ma non con il creatore delle immagini, vi segnaliamo l’approfondimento del professore e critico di letteratura per l’infanzia anche alla voce “le interviste di Kalandraka”.

carvalhotitolo-001 bcarvalho-001004