Il libro illustrato, strumento per l’inclusione

 

LETTERE_06032012_DEF-15.jpg-LIBRO
L’inclusione è in una società globale l’argomento di punta per evitare il conflitto e dare l’opportunità di crescere insieme alle persone di realtà culturali e circostanze vitali diverse.   Condividere lo spazio al di là dei confini territoriali, mentali e economici sta diventando uno degli argomenti più scottanti in occidente.  L’inclusione è un’idea, un modo di vivere che si traduce poi in politiche. La cultura può giocare un ruolo fondamentale. E se il bambino è proiezione al futuro e fiducia, allora è a lui innanzitutto che ci si rivolge. In questa direzione si stanno muovendo non a caso molte iniziative sul libro per l’infanzia. Ci hanno pensato Area onlus e la Fondazione Giovanni Agnelli che organizzano dal 25 al 31 ottobre 2014 la manifestazione Lettori senza frontiere. Settimana del Libro accessibile a Torino, manifestazione che esplora le possibilità di inclusione, relazione, accessibilità che i libri possono offrire in relazione alle diverse abilità. Il convegno intitolato “Best4bes. L’editoria accessibile come strumento di apprendimento, inclusione e crescita sociale”, si avvarrà della presenza di Silvana Sola, presidente di IBBY Italia, che parlerà del panorama internazionale dell’editoria accessibile.

Orecchie_di_farfalla_It2-5-DUE

E non è un caso che l’inclusione sia stato l’argomento principale del 34° convegno Ibby  che si è svolto il passato settembre a Città Del Messico, “Que todos signifique todos”,( che tutti significhi tutti,) dedicato alla lettura come inclusione fin dall’infanzia. L’IBBY ITALIA ha partecipato con una relazione attingente: Libri senza parole. Dal mondo a Lampedusa e ritorno. Si tratta del titolo di un progetto di cooperazione internazionale, nato per dotare l’isola di Lampedusa di una biblioteca per ragazzi, dedicata ai bambini e ai ragazzi che vivono sull’isola e ai giovani ospiti del Centro di Primo Soccorso e Accoglienza.

copyright matticchio_DSC0745

Le due delegate italiane che sono intervenute sono Deborah Soria, della Libreria Itinerante Ottimomassimo, e Marcella Terrusi, assegnista di ricerca presso il Dipartimento Scienze della Qualità della Vita, Università di Bologna, ricercatrice e critica di letteratura infantile.

Orecchie_di_farfalla_It2-6
  La biblioteca di Lampedusa è luogo fisico e interiore di incontro. Libri silenziosi, di un silenzio che include, per tornare al titolo del convegno, e che includendo cerca di offrire una possibilità di voce; libri che arrivano là dove spesso non arrivano le politiche. 
Deborah è stata l’ideatrice di questa iniziativa. La sua sessione in Città del Messico portava il titolo “Un tesoro per un’isola”. A lei ci siamo rivolte per parlare un po’ del progetto  e del suo intervento in Messico. E ci racconta di un altro silenzio, che esclude, quello del mondo governativo.
Da due anni a questa parte facciamo una battaglia per i diritti dei bambini di Lampedusa e per quelli di tutto il nostro paese per rendere l’accesso alla letteratura un accesso facile, gratuito e gentile. Nell’accorgersi di una mancanza così evidente (a Lampedusa la biblioteca non c’è dagli anni 70 ) qualunque governo avrebbe dovuto ( anche solo per vergogna dei media) saltare sulla sedia e rimediare….il nostro governo ci ignora, e noi continuiamo a chiedere, prendendoci anche la voce degli adulti di Lampedusa che non sanno quali diritti gli sono negati.

IMMAGINE

Bisogna evitare che il silenzio politico e dei media si traduca in abbandono e assenza sul posto. Per questo è importante esserci, tornare sul territorio. Tutti sono invitati a dare un loro contributo all’iniziativa.
Torniamo dal 20 al 27 novembre con tutti i volontari che vorranno venire per una settimana di attività, di sensibilizzazione, di sottolineatura della mancanza dei diritti fondamentali per una vera libertà sull’isola di Lampedusa e in tutte le lampeduse d’Italia. 

Serve gente che ha voglia di leggere ad alta voce, partecipare ad attività ed eventi legati alla lettura, aiutare la logistica e l’organizzazione della settimana.

All’ultimo campo sono venute 40 persone ed è stato bellissimo per tutti.

00015l PER-WEB-2

Accennando agli argomenti trattati al congresso Ibby in Messico, parla degli ostacoli al processo di inclusione alle  lettere ancora una volta come ostacoli alla relazione e alla presa di coscienza dei diritti umani. 

Durante la sessione ho parlato delle nostre difficoltà, dell’evidente tendenza dei governi ad ostacolare i processi di alfabetizzazione, quando questi risvegliano il senso critico e i diritti umani. Ho parlato del successo e della meraviglia delle persone che amano i libri quando sono messe in condizione di passare questo amore agli altri.

LETTERE_06032012_DEF-12

 Tra le selezioni di Ibby c’è Outstanding Books for Young People with Disabilities. Una scelta di libri per bambini con bisogni speciali, dunque basati sul criterio dell’accessibilità e i libri che hanno per protagonisti o parlano di bambini e ragazzi con disabilità. Tra questi ultimi si è riconfermato “È non è” di Marco Berrettoni Carrara e Chiara Carrer, un’approssimazione poetica vicina al tema dell’autismo. In ogni caso la costante è “la promozione a livello internazionale del  diritto dei più giovani ai buoni libri e alla lettura-creando ovunque per l’infanzia l’opportunità di accedere a libri di alto livello letterario e artistico e incoraggiando la pubblicazione e la distribuzione di libri di qualità per bambini,specialmente nei Paesi in via di sviluppo” (http://www.bibliotecasalaborsa.it/ragazzi/ibby/) .

Quindi qualità, un ampio concetto se si pensa che vengono messi a confronto libri da tante parti del mondo. Perché ce ne sia bisogno emerge già parlando dei parametri da prendere in considerazione nella valutazione

enone-1-10

Per parlare di qualità quando si parla di libri bisogna prendere in considerazione moltissimi aspetti, la qualità del messaggio, il suo valore etico morale, la sua sincerità intellettuale. Sono qualità sofisticate, che un professionista riconosce ed un bambino o un fruitore apprezza se vengono sottolineate e divise dai libri “commerciali”.
I libri commerciali sono una parte divisa dell’editoria, con finalità diverse dalla crescita.
I libri di qualità parlano ad un diverso aspetto del nostro pensiero e raccontano la vita e le sue difficoltà. Aiutano a crescere perché sostengono e danno forma e conforto alle nostre solitudini. Per questo motivo includono tutti, nel mestiere difficile di crescere e capire gli altri.
Guardare altrove è più facile, ma non più utile per vivere meglio.

1424382_10202438729439827_1569510711_n

Il convegno Ibby dedicato all’inclusione si è celebrato sessant’anni dopo che la giornalista ebrea tedesca Jella Lepman dette vita alla conferenza “La comprensione  internazionale attraverso il libro infantile e giovanile”.  Proprio così nacque Ibby, International Board on Books for Young People. Dopo essere emigrata dalla Germania nazista all’Inghilterra, Jella Lepman fu richiamata in patria subito dopo la fine della guerra per coordinare un programma di assistenza alle donne e ai bambini tedeschi. Non senza angosce e esitazioni, accettò l’incarico. Nel deserto della Germania del primo dopoguerra la donna capì subito che quello di cui c’era urgenza per i bambini tedeschi non erano solo  cibo e  vestiti, ma alimenti emozionali, libri. Di libri non c’era più traccia. Solo restituendo ai piccoli la possibilità di accesso al pensiero attraverso i libri provenienti dal mondo libero si poteva sperare. I libri dovevano provenire da diversi  paesi e avrebbero così silenziosamente messo i contatto i bambini di tutto il mondo. L’impegno di Jella Lepman  per la diffusione della letteratura infantile, che considerava patrimonio dell’umanità, era la sua lotta per la comprensione e la pace tra i popoli che doveva e poteva partire solo da lì, dai bambini e dai libri. In questo modo i bambini avrebbero mostrato agli adulti la “via da percorrere per rimettere a posto questo mondo sottosopra”. La via da percorrere è lunga e, inevitabilmente, contraddittoria. Si tratta però anche di rompere con idee consolidate, parametri, ribaltare ciò che è stato deciso come assoluto, inviolabile e inevitabile. Perché se ci troviamo dentro un certo modo di vivere, di intendere nella nostra civiltà, è possibile pensarne anche altri. 
La lettura come inclusione significa anche questo. Cercare, in qualche forma, di preparare un po’ il terreno a chi ancora dentro gli ingranaggi di questo vivere non c’è del tutto.  Altrimenti non sarà possibile trasmettere l’idea di altre possibilità. Un compito che era stato auspicato per l’Europa, dopo le guerre, con l’unione, quell’ Europa da cui parlava Jella Lepman.  Niente come l’isola può rappresentare abbandono o inclusione, e Lampedusa, suo malgrado, ne è adesso il simbolo più lampante.

Chi è interessato  a partecipare al prossimo campo a Lampedusa può scrivere a: ibbyitalia@gmail.com

Nelle foto: il disegno realizzato a Lampedusa da una classe del liceo, la frase “Non è così facile” è stata  estrapolata da un vecchio libro. La bambina con il sole è di Franco Matticchio ed è sull’insegna della biblioteca a Lampedusa. Bambini in un asilo di Lampedusa.

Immagini dai libri editi da Kalandraka: “Lettere fra i lacci”, “Orecchie di farfalla”, “L’inizio”, “È non è”.

Su Jella Lepman, “La strada di Jella. Prima fermata, Monaco.” Sinnos, 2009

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...