“È non è” nella selezione internazionale Outsdanding Books di Ibby

“È non è” di Marco Berrettoni Carrara e Chiara Carrer si riconferma nella lista dei libri dell’ Outstanding Books for Young People with Disabilities 2013, comparendo nel catalogo giapponese. Si tratta di una selezione d’eccellenza promossa da Ibby (International Board on Books for Young People) International e curata dal Centro di Documentazione Ibby sulla disabilità

è-non-è-due

IBBY promuove a livello internazionale il diritto dei più giovani ai buoni libri e alla lettura, creando ovunque per l’infanzia l’opportunità di accedere a libri di alto livello letterario e artistico e incoraggiando la pubblicazione e la distribuzione di libri di qualità per bambini,specialmente nei Paesi in via di sviluppo.
Ogni sezione nazionale di IBBY ha come obiettivo quello di promuovere la letteratura per l’infanzia del proprio Paese.
Ogni due anni, sulla base delle candidature presentate dalle sezioni nazionali, il Centro Documentazione IBBY seleziona la migliore produzione editoriale dedicata a bambini e ragazzi disabili nelle seguenti categorie:
-libri espressamente creati per bambini con disabilità (ad esempio in Braille, con simboli BLISS, ecc.);
– libri della produzione regolare, che si distinguono per essere letti anche da bambini con disabilità
-libri che hanno per protagonisti o parlano di bambini e ragazzi con disabilità (http://www.bibliotecasalaborsa.it/ibby/documenti/8301)

004

La premessa delle categorie è sempre il valore artistico e letterario del libro scelto. Il diritto alla buona lettura significa quindi anche diritto al bello, inteso come esperienza estetica, che unisce, che comprende e non esclude. Il libro è inteso come vissuto e possibilità di ponte e confronto con il proprio percorso. La scelta richiede un lavoro incessante di indagine, di riflessioni sui parametri, in cui appunto non può  mancare la considerazione del libro in ogni sua parte di cura. In questo tipo di ottica si inserisce a maggior ragione, nella terza categoria,  l’opera di Marco Berrettoni Carrara e Chiara Carrer,  definita “un’approssimazione poetica al tema dell’autismo” nella scheda dell’editore e che non impone mai al lettore un unico punto di vista o una premessa categorizzante. Parole e immagini si fondono in una opportunità di fruizione estetica del libro. Protagonista è la voce di un bambino, che parla della sorellina con cui abita.

È non è

L’autore ha scelto così, partendo da una sua esperienza personale di adulto nel teatro a contatto la realtà dell’autismo,  di far parlare il suo sentimento rispetto a questo trascorso richiamando la sua voce di bambino e trascendendola. Lo sguardo dell’infanzia privo di categorie, universalizza e allo stesso tempo mette a nudo le emozioni, le angosce, le domande. Ed è  il bambino che ci riporta alla fine  a una domanda originaria sulle cose : “esistono due foglie uguali?” No, niente e nessuno è uguale- Uguale a cosa? Se la comprensione è innanzitutto un atto poetico, un sentimento che avvolge,  più che un atto elaborato,  il bambino e, dunque, la capacità di questo libro di farlo protagonista,  ne sono i maggiori interpreti.

https://libripersognare.wordpress.com/?s=marco+berrettoni+carrara

https://libripersognare.wordpress.com/2013/01/13/e-non-e-nella-selezione-internazionale-outstanding-books-for-young-people-with-disabilities-2013/

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...