Maria Josè Ferrada dal Cile a Torino, con i bambini, in un mondo di immagini poetiche

  piccolina

La poetessa cilena Maria Josè Ferrada  sarà ospite al Salone Internazionale del Libro di Torino 2013   

Lunedì 20.05.2013  Ore 13 e ore 14.15, Bookstock Village, Salone del Libro, Lingotto Fiere, Torino
Laboratorio Autori  Da 8 anni
EL BAILE DIMINUTO. Dall’ascolto della poesia alla creazione di immagini poetiche.
Incontro con Maria Josè Ferrada, traduce Elena Rolla a cura di Kalandraka, Minimondi e Salone del libro

http://www.salonelibro.it

El idioma secreto me lo enseñó mi abuela. 

Y es un idioma que nombra las plantas de tomate, la harina,

los botones].

Un día me llamó.  Me dijo que antes de que la muerte se la llevara

ìquería entregarme algo]. Mi herencia era una caja de galletas con ovillos de lana

y boletas de ferretería].

Ahí dentro estaban las palabras…

Il linguaggio segreto me lo insegnò mia nonna (…) Un giorno mi chiamò. Mi disse che prima di morire voleva lasciarmi qualcosa. La mia eredità era una scatola di biscotti con gomitoli di lana e scontrini.

Là dentro stavano le parole.

( Maria Josè Ferrada, “El idioma secreto, Kalandraka, 2013, illustrato da Zazanna Celej)

Cattura.JPG-4.jpg-piu'-grande.jpg-media

La scelta della poesia...

È stata una scelta naturale per me, è difficile spiegarla. forse legata a ricordi affettivi di certe letture che mi hanno segnato e quella musicalità della poesia che mi ha sempre attratto..

La poesia e i bambini ...

Credo che i bambini abbiano una vicinanza naturale al ritmo poetico, i giochi di parole, gli scioglilingua, le filastrocche, sono fratelli della poesia; se scegliamo bene cosa presentargli entrano nella poesia con naturalezza, non credo che la poesia sia un linguaggi che metta in difficoltà il bambino, credo il contrario..

Cosa succede a questo proposito in Cile..

In Cile abbiamo questa grande poetessa che è Gabriela Mistral e che ci ha insegnato tanto la musicalità, il fiume limpido che deve essere la poesia che si rivolge ai bambini. Oggi stiamo riscoprendo molto la sua opera per il pubblico infantile e questa è una bella notizia. C’e’ anche un riutilizzo di aspetti della poesia tradizionali, come la decima popular o la meraviglia rispetto alle cose tipica del Neruda delle odi. Sempre piu’ persone scrivono per bambini, si tratti di poesia o narrativa, da questo punto di vista mi sembra che in Cile sia un buon momento…

Cattura.JPG 5  El baile diminuto, Kalandraka edizioni 2012, illustrazioni Sole Poirot Oliva

un-mundo-raro.jpg-dpos.jpg-400

Maria José Ferrada nasce nel 1977, è giornalista e frequenta un master in Studi Asiatici. Nel 2001 dirige il Corso di Scrittura della Fondación Pablo Neruda e nel 2005 pubblica il suo primo libro per l’infanzia, 12 historias minúsculas de la tierra, el cielo y el mar. Oltre ad aver ricevuto sovvenzioni per scrivere libri pubblicati in Cile, nell’anno 2010 è la casa editrice Kalandraka a portare il suo lavoro fuori dal Cile pubblicando Un mundo raro. In questo stesso anno la scrittrice vince il premio del Fondo di Promozione del Libro del Consejo de Cultura de Chile per la pubblicazione di Un baile diminuto, edito da Kalandraka e crea Libros del Snark, una casa editrice autogestita focalizzata sulla produzione di libri artigianali a edizione limitata. Il suo ultimo lavoro El idioma secreto, Kalandraka 2013 per la collana Faktoria K De Libros, ha vinto il premio internazionale di poesia per bambini della città di Orihuela, V Premio Internacional Ciudad de Orihuela de Poesia para Niños. Lavora come giornalista e docente presso l’Istituto Giapponese di Cultura cileno.

Cattura.JPG 7       immagine due

da El idioma secreto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...