Archivi del mese: ottobre 2012

Il resoconto: laboratorio con Giulia Campolmi presso la libreria Cuccumeo di Firenze

18 ottobre 2012

A quei tempi tutti gli ombrelli erano neri,
marroni o, tutt’al più, blu di Prussia o verde scuro.
Così, quando nella bottega saltò fuori quell’ombrello giallo,
tutti quanti rimasero di stucco.
Un ombrello di un colore simile non era previsto
né nei piani, né nei cataloghi, né negli ordini…

Giulia Campolmi, autrice delle illustrazioni de “L’ombrello giallo” ha tenuto un  laboratorio creativo per bambini dai 7 anni nello spazio all’aperto  della libreriaCuccumeo di Firenze.

DSCN2344

Il libro con il testo del cubano Joel Franz Rosell, ci parla di un operaio che osa rompere la routine della fabbrica che da anni produce solo ombrelli neri. L’operaio creando un ombrello giallo compie un gesto di liberta’ suggestivamente rappresentato dalle tavole di Giulia…

DSCN2339

I ragazzi hanno potuto personalizzare  gli  ombrelli neri secondo la propria fantasia e creativita’ usando materiali vari…

DSCN2341ogni ombrello diverso dall’altro…

DSCN2342

ogni ombrello una rottura della routine, un messaggio di liberta’, anticonvenzionalita’ come l’ombrello giallo del libro…

DSCN2345

La notizia: Kalandraka ha ottenuto il Premio Nazionale all’Editoria Culturale 2012 attribuito dal Ministero dell’Educazione di Spagna

La casa editrice Kalandraka ha ottenuto il Premio Nazionale all’Editoria Culturale 2012 attribuito dal Ministero dell’Educazione, la Cultura e lo Sport di Spagna per “il suo impegno verso la letteratura infantile, nel cui contesto spicca la cura dei testi e la qualità delle illustrazioni e l’attenzione ai generi più complessi come la poesia. Di conseguenza è diventata un referente in Spagna e all’estero”. Lo scopo del Premio è riconoscere l’insieme del lavoro editoriale di una persona fisica op giuridica per il suo apporto di eccellenza e innovazione nella vita culturale nazionale nel 2011.

La Rassegna: Lettere fra i lacci

La Rassegna: Lettere fra i lacci

“Il suggestivo albo illustrato intitolato “Lettere fra i lacci” edizioni Kalandraka scritto dalla venezuelana Cristina Falcòn Maldonado e illustrato da delicati disegni ad acquerelli e matite di Marina Marcolin sembra andare controcorrente.”

Barbara Zanconato dal blog dell’associazione culturale L’Atelier di Vigoleno.

 

La rassegna: Il pallone è mio e ci gioco io! …Ma può andare anche diversamente

gattino e il pallone - Constanze v. Kitzing

Sul portone del suo nuovo palazzo, Gattino trova un pallone. Felice lo porta con sé su, fino al sottotetto, dove vive da soli tre giorni assieme alla sua famiglia. La mamma però gli spiega che prima di considerare suo quel tondo tesoro deve verificare che nessuno l’abbia perso e lo invita a chiedere ai vicini. Per Gattino andare a bussare a degli sconosciuti, che potrebbero peraltro rivelarsi i legittimi proprietari del pallone, non è semplice, ma decide comunque di farlo. Scende dal quarto piano al pianterreno e bussa a tutte le porte: gli apre una paperetta, uno scoiattolo, un coniglio. A nessuno di loro appartiene il pallone ma tutti si aggregano alla ricerca. Il pallone sembra non essere di nessuno: possono giocare! In cortile però arriva il legittimo proprietario, un riccio: non cambia nulla, non importa di chi sia il pallone, si gioca ugualmente insieme.

gattino e il pallone - Constanze v. Kitzing

Gattino e il pallone, di Joel Franz Rosell e illustrato da Constanze V. Kitzing, è un albo dall’impostazione classica: da un evento fortuito, che introduce il protagonista, la storia si evolve in una serie di prove da superare, seppur semplici come si addice a un “piccolo”: il divieto della mamma, il fronteggiare la propria timidezza, superare il proprio egoismo a favore della condivisione. Proprio per questa sua struttura iterativa il bambino lettore sfoglierà e risfoglierà l’albo, facendo proprio anche il concetto dell’enumerazione a ritroso e padroneggiando lo spazio del palazzo accompagnando, così, idealmente Gattino nella sua ricerca.

gattino e il pallone - Constanze v. Kitzing

L’illustratrice ha scelto di antropomorfizzare i protagonisti: essi indossano vestiti colorati e semplici adatti al contesto cittadino in cui la storia è ambientata. I bambini non avranno dunque nessuna difficoltà a identificarsi con Gattino o uno dei suoi amici. Il punto di fuoco dell’illustrazione si svolge sul fondo della pagina e ciò contribuisce a rendere ariosa e luminosa la scena. Un albo adatto a bambini dai 4 ai 6 anni.

Da Barbara Ferraro

gattino e il pallone - kalandraka

Titolo: Gattino e il pallone
Autore: Joel F. Rosell, Costance V. Kitzing
Editore: Kalandraka
Dati: 2012, 32 pp., 12,00 €

Posted by  in 2. prescolare (3/5 anni)albi illustratilibri per crescere

 

Il resoconto: La festa dei lettori alla Libreria Cuccumeo di Firenze

Nel contesto della Festa dei Lettori l’Associazione Scioglilibro ha organizzato diverse letture animate il 29 settembre alla Libreria Cuccumeo di Firenze.

Carlotta Cubbeddu ha presentato il nostro libro “Non è una scatola”.

Poi abbiamo giocato un po’…

E poi la Cubbeddu ha fatto una magia, l’abbiamo visto tutti quanti. C’eravamo e lo potremmo giurare…

O forse la magia l’hanno fatta i bambini e le bambine che la guardavano mentre disegnava sulla lavagna…

Fatto sta che non era una scatola, ma un trattore…

Insomma, anche i gufi della Cuccumeo sono rimasi di stucco!